Category Archives: Heinz Kohut

  • 2

La Psicologia del Sé di Heinz Kohut

Tags : 

La Psicologia del Sé di Kohut nasce dagli studi dello stesso su pazienti con disturbi narcisistici 1, i quali presentavano caratteristiche molto diverse dai pazienti nevrotici, ossia erano presenti sentimenti di depressione e insoddisfazione nei rapporti e la loro stima di sé era facilmente vulnerabile.

Il concetto centrale di questo modello è quello del Sé, inteso come nucleo centrale della personalità che organizza i sentimenti, i pensieri e le rappresentazioni di Sé e degli altri.

Nel pensiero dell’autore, lo sviluppo del Sé avviene in due tappe fondamentali, la prima è la formazione del Sé virtuale, ossia l’immagine del bambino che deve ancora nascere ma che già è presente nella mente dei genitori, la seconda prevede lo sviluppo del Sé nucleare nel corso dei primi due anni di vita del bambino. Il Sé nucleare è per sua natura bipolare, ossia è formato dal polo delle ambizioni di potere e successo e dal polo degli scopi idealizzati e i valori. Questi due poli sono sottesi da un arco di tensione, il quale è caratterizzato dai talenti e dalle abilità della persona.

Concetto cardine della Psicologia del Sé è l’oggetto-Sé, ossia il ruolo svolto dalle altre persone nei confronti del Sé in relazione ai suoi bisogni. Gli oggetti-Sé devono essere visti come funzioni, più che come persone.

Il Sé sano si sviluppa all’interno di un ambiente che consente di fare tre esperienze di oggetto-Sé: 2

  • Oggetti che confermino l’innato senso del bambino di grandezza e perfezione, ossia i bisogni di specularità. Sono esperienze che formano quello che Kohut chiama Sé grandioso. Permette di rafforzare il polo delle ambizioni del Sé bipolare. Un esempio è il piacere che un artista ha nel momento in cui viene apprezzato dal pubblico. In caso contrario avviene la frammentazione del Sé.
  • Oggetti da poter ammirare e idealizzare, ossia il bisogno di idealizzazione. Questo tipo di esperienza permette il rafforzamento del polo degli ideali del Sé bipolare. Kohut la descrive come l’esperienza di fondersi con un oggetto vissuto come grande, forte, ideale e saggio. Un esempio è rappresentato da un individuo, in un momento di difficoltà, trova in un amico un punto di riferimento e di forza.
  • Oggetti che suscitino nel bambino una sensazione di essenziale uguaglianza con lui, ossia il bisogno di gemellarità. Questo tipo di esperienza permette di rafforzare l’arco di tensione delle capacità e dei talenti. Un esempio è quello della bambina che fa finta di cucinare insieme alla mamma.

Inoltre, l’Uomo di Kohut è un Uomo Tragico, frutto delle esperienze relazionali e dell’contesto in cui si è sviluppato il suo Sé nucleare, opposto all’Uomo Colpevole di Freud, il quale tende, invece, alla costante ricerca di equilibrio tra le pulsioni che lo dominano e le cui azioni sono volte alla ricerca del piacere.

 

 

Bibliografia

Concato G., Manuale di psicologia dinamica, Firenze, AleBet Editore, 2000.