Tag Archives: disturbo borderline

  • 0

Peter Fonagy: la Funzione Riflessiva e il Mentalization Based Treatment

Tags : 

Peter Fonagy e Mary Target descrivono la funzione riflessiva o mentalizzazione come la capacità di interpretare i comportamenti propri e altrui in termini di ipotetici stati mentali e quindi non come una copia fedele della realtà ma come una rappresentazione di essa.

Dallo sviluppo di questa funzione derivano una serie di capacità, tra cui il capire le manifestazioni affettive altrui, la regolazione degli affetti e il controllo degli impulsi e il fare esperienza di Sé come soggetto agente. Al contrario, se questa funzione è compromessa il bambino avrà difficoltà di adattamento, le sue relazioni sociali saranno incrinate, non acquisirà la capacità di preoccuparsi per gli altri e tutto questo perché non potrà rappresentarsi mentalmente la loro sofferenza.

Questa funzione comporta, in uno sviluppo normale, l’acquisizione della capacità di potersi rappresentare mentalmente un pensiero, un sentimento, un affetto senza la necessità di averli concretamente davanti a sé per poterli richiamare alla mente. Lo sviluppo della capacità di mentalizzazione è essenzialmente collegato al livello di coerenza e al funzionamento psichico del caregiver.

Secondo Fonagy è indispensabile, per un sano sviluppo, che le relazioni primarie di attaccamento offrano sostegno e protezione, in quanto le prime facoltà mentali del bambino derivano proprio dalla capacità del genitore di rispondere ai bisogni e alle richieste del figlio. Rispetto a questo punto, gli studi di Gunderson e Austin hanno documentato che i pazienti con diagnosi di DBP hanno in comune caregiver che non sono stati capaci di offrire loro supporto e appoggio.

Per quanto riguarda lo sviluppo di questa funzione, Fonagy sostiene che questa non esiste sin dalla nascita ma che compare solo verso il terzo, quarto anno di vita; prima di ciò l’esperienza che il bambino ha della realtà è legata a due modalità specifiche: l’equivalenza psichica e il modo del far finta.

Con la prima, il bambino non riconosce le idee come rappresentazioni della realtà, ma le considera equivalenti alla realtà stessa; con il far finta, tipico del gioco, le idee sono reputate come rappresentazioni, senza però cercare alcun riscontro nella realtà.

Durante il quarto anno di vita, le due modalità vengono integrate e ciò determina la nascita della funzione riflessiva, ovvero il modo attraverso cui il bambino può rappresentarsi gli stati mentali in quanto tali ed è quindi in grado di riconoscere che questi stati sono sostanzialmente delle rappresentazioni della realtà.

Affinché possa svilupparsi questa funzione, non è essenziale solo la maturazione fisica ma, come afferma Fonagy, è fondamentale anche l’interazione fra l’adulto e il bambino, nella quale il genitore, mentre gioca con il piccolo, intanto commenta il gioco. Ciò genera una sorta di ponte tra la realtà del gioco e la realtà in cui entrambi vivono, ossia tra il far finta e l’equivalenza psichica.

Questa modalità di rapporto tra adulto e bambino è facilitata da una relazione di attaccamento sicuro, all’interno della quale il piccolo può soddisfare due bisogni indispensabili per lo sviluppo della funzione riflessiva, infatti può individuare i propri stati mentali rappresentati nella mente dell’altro e sentirsi identificato dall’altro come essere che pensa. Il bambino, quindi, considerando lo stato mentale del suo caregiver giunge all’effettiva esperienza mentale di Sé. L’attaccamento sicuro costituisce una premessa molto importante per l’acquisizione della teoria della mente. Al contrario, un bambino costretto a mettere in atto comportamenti difensivi per proteggersi da un genitore poco comprensivo svilupperà un attaccamento di tipo insicuro; il genitore, infatti, mostra al figlio le proprie difese, il quale le assimila: tutto questo ostacola un’adeguata comprensione della propria mente e di quella dell’altro. È possibile, infatti, comprendere gli altri solo se si ha una buona consapevolezza di Sé e se si è in grado di distinguere la realtà dalla finzione.

Con l’acquisizione della teoria della mente c’è la nascita del Sé riflessivo. È proprio attraverso quest’ultimo che il bambino ottiene la capacità di rappresentarsi come soggetto dotato di stati mentali, come i pensieri, i sentimenti, i desideri.

Ciò che consente di prevedere quale sarà lo stile di attaccamento che si svilupperà non è solo il comportamento osservabile della figura di riferimento, ma anche la capacità metacognitiva dello stesso. Se il bambino ha la possibilità di vedere se stesso nell’altro come essere pensato e pensante, allora l’immagine che interiorizza è quella di essere intenzionale, capace di pensare, sentire e desiderare.

Nelle famiglie in cui la capacità riflessiva dei genitori è estremamente compromessa, il bambino non ha l’occasione di sperimentare i propri stati mentali attraverso l’identificazione con lo stato mentale dell’oggetto. In questi casi il figlio ritrova nella mente del genitore, con una funzione riflessiva carente o inesistente, una rappresentazione di Sé del tutto inconsistente. Conseguenza di ciò è la compromissione dello sviluppo del Sé riflessivo. Le strategie messe in atto dal bambino sono drastiche, come l’aggressività e l’evitamento. È a questo livello che si colloca l’origine della psicopatologia borderline.

Nelle storie dei bambini, che svilupperanno il DBP, si riscontrano molto spesso un maltrattamento o un abuso all’interno di una relazione significativa e, contemporaneamente, mancanza di sicurezza e conforto. Il bambino, per sopravvivere, non può fare altro che eludere di rappresentarsi la mente del genitore, poiché non sarebbe in grado di comprendere le motivazioni che sottendono tali comportamenti di violenza. Rinvenire l’immagine di Sé nella mente del caregiver significherebbe riconoscere ostilità e rifiuto da parte dell’altro; per proteggersi da questo, il piccolo inibisce la propria capacità di cogliere gli stati mentali e finisce per concepirsi esclusivamente in termini di realtà fisica. Il deficit viene considerato una conseguenza dell’impossibilità di interiorizzare gli stati mentali del caregiver abusante.

Studi empirici recenti hanno dimostrato che le conseguenze dell’abuso subito durante l’infanzia, si tramandano attraverso le generazioni, dalle competenze metacognitive del genitore al figlio.


  • 0

Luigi Cancrini: l’oceano borderline e l’infanzia borderline

Tags : 

Una revisione molto interessante della teoria strutturale delle relazioni oggettuali è stata compiuta dal Prof. Luigi Cancrini.

Egli riconosce i meriti di Kernberg, in particolare quello di aver differenziato in modo preciso e distinto quei pazienti che hanno in comune l’inclinazione ad utilizzare meccanismi di difesa basati sulla scissione ma che sono profondamente dissimili fra di loro, infatti una categoria di questi, i pazienti borderline, conserva il principio di realtà e ciò permette loro di poter organizzare la propria vita e di rispondere agli interventi terapeutici in modo diverso rispetto al paziente psicotico. Inoltre, i concetti espressi da Kernberg consentono di racchiudere all’interno di una grande e unica categoria diagnostica, quella dell’organizzazione borderline, forme cliniche tra loro diverse, ad esempio tossicomanie, disturbi del comportamento alimentare o perversioni sessuali.

Un limite tangibile e reale della teoria di Kernberg è quello di considerare la mente borderline una struttura; ciò rimanda all’idea di immodificabilità e, di conseguenza, il bambino si troverebbe incastrato per tutta la vita, e in modo definitivo, ad una struttura imperfetta della sua personalità.

Cancrini, per questo motivo, preferisce parlare di funzionamento borderline, termine che non esclude la reversibilità. Secondo l’autore, infatti, la reale differenza tra gli individui non è da ricercare tra la categorizzazione di nevrotico, psicotico e borderline, quanto piuttosto andare ad analizzare la soglia di attivazione dei relativi schemi di comportamento.

Una caratteristica assai comune della mente che funziona a livello borderline è la tendenza a dare giudizi estremi su se stessi e sugli altri e ciò è dovuto all’utilizzo della scissione. È possibile riscontare questo stesso funzionamento in tutti gli esseri umani; infatti tutti i bambini tra i 15 e i 21 mesi, attraversano una fase simile a quella del funzionamento borderline, il che li porta a considerare la madre in maniera dicotomica: buona nel attimo in cui è presente e li nutre, suscitando così sentimenti di gioia e gratificazione, cattiva quando è assente, generando sentimenti di odio e rabbia.

Questa fase viene superata intorno ai 3 anni, quando il bambino riesce ad integrare le parti scisse; questo processo prosegue nel tempo fino ai suoi massimi livelli nell’età adulta.

Quello che sottolinea Cancrini come importante è che la tendenza a regredire verso la modalità di funzionamento borderline è sempre possibile, soprattutto in situazioni di stress e tensione, come accade, ad esempio, nel lutto, nelle crisi evolutive, nell’innamoramento etc.

Questa regressione è possibile sia nelle persone più sane e mature sia in quelle meno, per le quali è ovviamente più facile che ciò avvenga.

Quando un bambino piccolo cresce e si sviluppa in un ambiente traumatico, caratterizzato da scontri, carenze di cure e paura, la sua capacità di integrare le rappresentazioni buone e cattive del Sé e dell’altro non si sviluppa completamente e la soglia di attivazione del funzionamento borderline tende a restare più bassa del normale.

Ciò che diversifica le persone è la particolare tendenza di alcune a regredire a livelli di funzionamento borderline quando si trovano di fronte alle dure prove della vita; quello che ne consegue è una mente che funziona senza sfumature, caratterizzata da giudizi totalitari e opposti. La peculiarità del funzionamento borderline è però l’oscillazione che avviene tra questi due stati d’animo contrastanti.

Riassumendo il pensiero di Cancrini, è possibile affermare che il funzionamento borderline è uno dei possibili funzionamenti di ogni persona, in quanto rappresenta una tappa dello sviluppo psichico di ciascuno.

La regressione a tale funzionamento dipende dal superamento di una soglia di attivazione, diversa per ogni individuo, il cui valore dipende dalle esperienze dell’infanzia.

Una soglia di attivazione bassa è caratteristica di individui con un DP, al contrario è alta in soggetti maturi e affidabili. È però importante evidenziare il fatto che questa soglia oscilla continuamente, in base alle varie problematicità che caratterizzano la vita di ogni persona.

Per quello che riguarda l’eziologia, Cancrini ha definito la sua teoria le infanzie infelici.

Con questo concetto egli si riferisce alle infanzie di quei bambini che sono costretti a vivere, per un lungo periodo di tempo, in contesti che non consentono un funzionamento integrato della mente del piccolo, bloccando o stravolgendo lo sviluppo della sua capacità di integrare le rappresentazioni buone e cattive di Sé e dell’oggetto.

I vari contesti sono ovviamente diversi tra di loro ma ciò che hanno in comune è la capacità di innescare molteplici forme di funzionamento borderline della mente.

Maltrattamenti, abusi, trascuratezza o, più in generale, le infanzie infelici generano, tendenzialmente, adulti problematici. Il lavoro magistrale di Cancrini si propone proprio di rintracciare nell’adulto, che presenta manifestazioni psicopatologiche, il bambino ferito e ripercorrere con il paziente quella che è stata la sua infanzia infelice. Allo stesso tempo, Cancrini prende in cura anche i bambini feriti reali, con lo scopo di fermare il loro inesorabile viaggio verso il DP.

Lo studio condotto da Cancrini si basa sostanzialmente sul testo Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalità di L. Smith Benjamin e sulle osservazioni dirette dei bambini infelici presso il Centro Aiuto al Bambino Maltrattato e alla Famiglia e presso la Domus de Luna.

 

 

BIBLIOGRAFIA

Luigi Cancrini, L’Oceano Borderline, Racconti di Viaggio, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2006, p.16.

Lorna Smith Benjamin, Diagnosi interpersonale e trattamento dei disturbi di personalità, Roma, LAS, 1999.


  • 0

Le origini del disturbo borderline

Tags : 

Analizzare le origini del DBP significa addentrarsi nell’ambiente familiare del paziente e approfondire le eventuali esperienze traumatiche premature. Spesso, infatti, questi pazienti hanno genitori con una psicopatologia oppure raccontano storie di traumi precoci, quali abbandoni, rifiuti, abusi o perdite.

Molti autori suppongono che la genesi del disturbo sia da collocarsi nel periodo dell’infanzia, nella sottofase di riavvicinamento del processo di separazione-individuazione della Mahler. Secondo James Masterson e Donald Rinsley, i soggetti borderline non hanno potuto vivere tale fase a causa di una madre, anch’essa borderline, che si sentiva spaventata e minacciata dalla volontà di individuazione del figlio, e a causa di ciò gli ha negato l’affetto nei momenti in cui il bambino si allontanava da lei per cercare la propria autonomia, e che invece provava soddisfazione e piacere nel momento in cui il piccolo tornava da lei. Tutto ciò ha generato in lui l’idea che crescere e individuarsi determinerà la perdita dell’amore materno, in particolare se questo accade durante la fase di separazione-individuazione, infatti determina la nascita di una relazione con l’oggetto scissa in due parti, una cattiva e una buona senza giungere, così, alla totalità della rappresentazione di Sé e dell’Altro. L’incapacità della madre nel prendersi cura del bambino e nel fornirgli rassicurazione, determina una grossa confusione e l’oscillazione tra frustrazione e gratificazione tale da non consentire che si stabilisca la costanza dell’oggetto. Inoltre, la madre, in maniera inconscia, proietta sula bambino le proprie parti distruttive, utilizzandolo come appendice narcisistica.

Altri autori, al contrario, affermano che la psicopatologia borderline derivi da un deficit. Questo difetto non consente al soggetto di introiettare le immagini buone dell’oggetto e quindi, non esistendo la parte buona dell’oggetto, il paziente non può rappresentarsi una madre che lo tranquillizzi nei momenti di stress.

Varie ricerche sulle esperienze infantili dei borderline evidenziano che alla base della psicopatologia vi sia il fallimento del legame genitoriale. Il bambino, nel provare ad organizzare il caos emotivo interno, osserva ciò che le sue emozioni provocano nel genitore, ma se il caregiver non è sintonizzato su queste emozioni, il piccolo avrà difficoltà nel comprenderle e il suo potenziale autocontrollo sarà impoverito, aumentando così la probabilità che si generi la disregolazione emotiva, tipica del borderline. Il bambino interiorizza l’immagine di Sé che rinvieni nell’oggetto e se il caregiver non è in grado di funzionare come contenitore dei pensieri, delle emozioni e delle angosce del piccolo, quest’ultimo non è in grado di apprendere dalla propria esperienza emotiva e, quindi, sarà sempre alla frustrante e angosciante ricerca di modalità alternative di contenimento dei propri pensieri e dei forti sentimenti ad essi collegati. Da ciò generano le ipotesi di Peter Fonagy, il quale afferma che questa continua ricerca di modalità alternative di contenimento mentale possa produrre soluzioni patologiche, in particolare il bambino può assimilare la mente dell’altro, con tutte le immagini negative e distorte che ha del piccolo stesso, come parte integrante del proprio Sé. Trovandosi a confronto con un genitore spaventato/spaventante, il bambino assimilerà i sentimenti negativi del caregiver e, di conseguenza, avrà un’immagine di se stesso spaventosa. Per poter sopportare la propria immagine e avere un’idea di sé coerente, il bambino dovrà assolutamente esternalizzare questa immagine negativa attraverso tutta una serie di comportamenti manipolatori e controllanti.


  • 0

Qual è il rapporto tra personalità, genetica e ambiente?

Tags : 

Negli ultimi venti anni, le ricerche hanno messo in evidenza quanto sia rilevante l’influenza dei fattori genetici sulle interazioni tra genitori e figli, rispetto a quelli ambientali, per quanto riguarda i tratti di personalità. I fattori genetici spiegherebbero il 30-50% della varianza sia dei tratti di personalità normali, sia di quelli definiti maladattivi e quindi legati ai DP.

I fattori che compongono la personalità non sono esclusivamente appartenenti all’organismo o all’ambiente: entrambi questi sistemi concorrono, in stretta relazione, alla formazione della stessa. Di conseguenza, il comportamento dipende da fattori biologici, ereditari e da quelli ambientali e culturali. Gli studi di genetica comportamentale hanno sottolineato il fatto che molti processi, ritenuti in passato interamente mediati dall’ambiente, sono in realtà influenzati in parte dai geni, questo perché l’esposizione all’ambiente è in parte sotto l’influenza genetica.

Robert Plomin[1] afferma che il bambino seleziona e modifica il suo ambiente in base a quelle che sono le sue caratteristiche temperamentali. Ad esempio, il bambino estroverso ha maggiori possibilità di essere invitato a prendere parte ad attività sociali rispetto a quello che è avvertito come introverso oppure i bambini più intelligenti sono attratti da compiti difficili e competitivi. Le influenze ambientali che hanno maggior peso non sono quelle connesse all’ambiente fisico ma quelle collegate a quello relazionale. Infatti, le esperienze che rendono diverso lo stesso ambiente sono, ad esempio, il differente trattamento ricevuto dai genitori, i differenti legami instauratisi con i vari membri della famiglia, le aspettative e i sentimenti che hanno accompagnato tali relazioni.

Recentemente è stato dimostrato che non per forza le esperienze negative dei primi anni di vita determineranno psicopatologia durante la vita adulta; in realtà esperienze successive riparatorie possono attenuare o addirittura annullare gli effetti negativi delle sofferenze precoci ma anche che alcuni soggetti sono fin da piccoli più resilienti di altre a cimentarsi con le problematicità della vita.

[1] R. Plomin, Genetica del comportamento, Milano, Cortina Raffaello Editore, 2° 2014 (2001).